La Passione rivive nella ceramica

di Andrea Pellegrino Vietri sul Mare è, a tutti gli effetti, un museo naturale della ceramica. Dalla Cupola maiolicata del Duomo di San Giovanni fino ad ogni angolo del territorio, il paese alle porte della Costiera Amalfitana parla di ceramica. Di quell’arte che riempie il corso cittadino con le sue tradizionali botteghe. Qui avviene qualcosa … Continua a leggere La Passione rivive nella ceramica

Annunci

Il salernitano in tre round batte l’idolo di casa: «Porto la mia Salerno in giro per il mondo»

Un successo straordinario che porta la firma (e i guantoni) del salernitano Dario Socci. Il pugile, grande tifoso della Salernitana, ha trionfato nell'incontro curato dalla prestigiosa promotion tedesca S.E.S. di Stanford.

«Renna, Chiapponi e l’espulsione: ecco come perdemmo il campionato»

Per giornalisti e diversi addetti ai lavori la Salernitana targata '70-'71 fu la più forte della storia granata. A comporla diversi elementi di spessore come Pantani, Valsecchi, Rigotto e De Maio. Ma soprattutto Francesc Cianfrone, il quale ricorda benissimo quell'annata in maglia granata e le mille sfaccettature legate alle gare casalinghe ed esterne di quella stagione. A guidare l'undici granata dalla panchina Tom Rosati, il quale trainò i granata in tre parentesi distinte.

Il sodalizio ripartì dall’«usato sicuro» Martusciello

La sconfitta contro i canarini produsse uno scossone in casa biancoverde. Seppur la promozione non fosse in cima agli obiettivi a breve termine per la società costiera, l'eco della netta sconfitta contro la Scafatese generò importanti novità nello staff di patron Martino.

Le promesse del futsal metelliano

Il liceo Genoino scrive una delle pagine più belle della sua storia. L'istituto scientifico cavese potrà infatti vantare tra le proprie file le campionesse di calcio a 5 dell'intera provincia salernitana. Le calciatrici metelliane, dopo aver eliminato in finale il liceo scientifico De Sanctis di Salerno, presso l'Istituto di istruzione superiore "Enzo Ferrari" di Battipaglia, il 20 marzo scorso hanno giocato la finale dei campionati provinciali.

Tutti insieme per celebrare la Giornata mondiale del Teatro

Il 27 marzo si festeggia la Giornata Mondiale del Teatro, creata a Vienna nel 1961 durante il IX Congresso mondiale dell'Istituto Internazionale del Teatro. Dal 27 marzo 1962, la Giornata Mondiale del Teatro è celebrata in tutto il mondo al fine di incoraggiare gli scambi internazionali nel campo della conoscenza e della pratica delle Arti della Scena, stimolare la creazione ed allargare la cooperazione fra gli esponenti del teatro, sensibilizzare l'opinione pubblica su quanto sia potente il teatro come strumento di aggregazione, socializzazione, inclusione.

Federico Marchi, il calcio dell’algebra e dei vicoli

«Amo tutto di questa città. Salerno è stata la mia seconda casa: conosco tutte le strade, il Duomo, il centro storico. Via Botteghelle rappresenta un cortile dei ricordi». Un amore grandissimo quello di Federico Marchi per la piazza granata.

Il cambio in panchina da Martusciello a Pastore

Della Monica restò felicemente sorpreso del trasferimento alla corte di Trapattoni. Nonostante il centrocampista costiero giocasse nel settore giovanile bianconero, entusiasmò il tecnico juventino che in più occasioni offrì al giovane, appena diciottenne, una maglia da titolare. La società dell'allora patron Giuliano mandò poi Della Monica a farsi le ossa a Casale Monferrato: il passaggio ai nerostellati segnò però la fine della sua entusiasmante parentesi zebrata.