Stanislao Lista, lo scultore che fece innamorare Napoli

Il monumento ai martiri dei moti del ’20 e del ’21 è uno dei più emblematici di tutta la città di Napoli. Il complesso scultoreo si erge imponente al centro della piazza. Fuori dal campo visivo dei più, uno dei leoni è chino su stesso, nel tentativo di liberarsi della spada che l’aveva ferito; fermo, eppure energico e dinamico.

Da passione di famiglia ad attività artigianale: l’arte presepiale CeMiDi

«Il presepe oggi? Al di làdel valore religioso, ritengo rimanga il sinonimo più puro di intimità familiare e solidarietà verso il prossimo». Cambiano le tecniche di lavorazione, ma l'idea di base è sempre la stessa per Mimmo Iuorio di “CeMiDi”, laboratorio d'artigianato messo su insieme alle cugine Cetty e Dina nel settembre 2016.

Terravecchia, il borgo sconosciuto di Giffoni Valle Piana

Il 2020 è ormai alle porte e Giffoni Valle Piana, calendario alla mano, ha già cominciato il conto alla rovescia. Il festival del cinema dei ragazzi si appresta a soffiare cinquanta candeline e, per l’occasione, la macchina organizzativa è già in moto, pronta a vestire l’abito migliore.

Il derby delle luci di Natale

«Se Salerno ha le luci, allora noi siamo pronti ad oscurare Salerno. Vogliamo diventare riferimento in Campania per gli eventi natalizi e ci stiamo preparando da luglio». Era il principio del mese di ottobre e Gianluca Festa, primo cittadino di Avellino, lanciò la sua sfida alla vicina Salerno, patria campana delle Luci d’Artista tanto care al presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca.

L’Airone al Giro della Campania tra amore, industria e successi

«Vidi Coppi per la prima volta nel 1956, all'età di 16 anni. E da lì la mia vita è cambiata». La storia di Vittorio De Martino, ciclista professionista degli anni '50, è di quelle che riallacciano ricordi e sensazioni lunghi settant'anni. E che non smettono mai di emozionare.

Alfano I, il vescovo poeta che ispirò il Duomo di Salerno

Alfano I nacque a Salerno. È stato abate, medico, scrittore e arcivescovo italiano, importante esponente della scuola medica salernitana. La data della sua nascita è incerta, ma si fa risalire tra il 1015 e il 1020, da una nobile famiglia imparentata con Guaimario III, Principe Longobardo di Salerno. Fu monaco nel monastero di Santa Sofia a Benevento e poi a Montecassino.