Coronavirus, primo caso a Fisciano. Unisa chiusa per 15 giorni

Primo caso risultato positivo al Covid-19 nel comune di Fisciano.

La donna, residente nella frazione di Pizzolano, è ricoverata all’ospedale di “Umberto I” di Nocera Inferiore. Le sue condizioni sono attualmente stabili.

La famiglia è in casa, in quarantena domiciliare.

“La figlia della signora è rientrata da Milano prima del 2 marzo. E’ stato accertato che il contagio non è avvenuto in ambito familiare” spiega il sindaco di Fisciano, Vincenzo Sessa, che aggiunge: “Abbiamo già ricostruito la catena di contatti della signora nei quindici giorni precedenti ad oggi. Ci apprestiamo a mettere in quarantena all’incirca 140 nuclei familiari residenti a Fisciano e in altri comuni limitrofi. I volontari dell’associazione “La Solidarietà” daranno sostegno a queste famiglie, per il reperimento di alimenti e beni di prima necessità”.

La donna è una dipendente della “Gioma Facility Management srl”, l’impresa che espleta i servizi di igiene e pulizia presso il campus di Fisciano.

Da qui la decisione del sindaco Sessa di chiudere per quindici giorni l’Ateneo, già interessato dalla sospensione delle attività didattiche come previsto dal Dpcm dello scorso 4 marzo.

“Ho emesso apposita ordinanza per la chiusura dellUniversità degli Studi di Salerno per quindici giorni. Sarà inaccessibile a tutti i dipendenti che la frequentano. In questo momento c’è bisogno di restare calmi e non farsi prendere né dal panico né dalla paura. Stiamo facendo il massimo, tutto ciò che è nelle nostre possibilità. I tamponi saranno fatti nei casi di necessità: non si può agire con approssimazione, ma bisogna essere lucidi ed intelligenti, soprattutto in questo momento difficile” ha concluso Sessa.

Giovanna Naddeo

Rispondi