“Dixhuit-Bella sempre”, Pontecagnano città solidale

Di Erika Noschese

Il progetto “Dixhuit-Bella sempre” approda a Pontecagnano Faiano. Questa mattina, a Palazzo di Città si è infatti tenuta la conferenza stampa di presentazione del progetto ideato da Teresa Giordano, giovane salernitana che ha combattuto – e vinto – la sua lotta contro un tumore al seno. All’incontro hanno preso parte: Lucia Zoccoli, autrice del blog “I volti di Cassandra; Antonia Autuori, presidente della Fondazione Comunità Salernitana; Lucio Ronca, presidente del Cna Salerno; Prosperina Gallotti Trani, in rappresentanza dell‘Inner Wheel Salerno; Rossella Graziuso, speaker di Radio Castelluccio, la direttrice del day hospital del reparto di oncologia, Clementina Savastano. A fare gli onori di casa il sindaco Giuseppe Lanzara che fin dal primo momento si è messo a disposizione per distribuire personalmente le Pink box, nei vari esercizi commerciali della zona. La raccolta fondi è destinata all’acquisto di un casco refrigerante da donare al reparto di oncologia del Ruggi d’Aragona. Il costo totale del macchinario – che serve a prevenire la caduta di capelli durante la chemioterapia – si aggira intorno ai 36mila euro. Ad oggi ne sono stati raccolti quasi la metà. Da qui l’appello che Lucia Zoccoli ha rivolto al sindaco Lanzara affinché scriva al governatore De Luca per chiedere alla Regione di aiutare, economicamente e concretamente, il progetto. “Mi impegnerò personalmente, anche a costo di consegnare i salvadanai personalmente”, ha dichiarato il sindaco Lanzara. Teresa Giordano, con orgoglio ha raccontato di aver vinto la sua battaglia contro quello che ad oggi viene ancora definito “il male del secolo”. La raccolta fondi ha preso il via da Salerno e numerose sono attività che hanno già aderito. Intanto, mercoledì presso il Mascalzone Latino si terrà una cena. Il ricavato sarà destinato proprio all’acquisto del casco che sarà fornito dalla ditta Paxman.

Rispondi