“Far sentire a casa i nostri ospiti” E’questa la nostra mission

Viaggio alla scoperta dell’Istituto Sica, un polo di eccellenza per la cura dell’anziano

Far sentire a casa i propri ospiti. E’questo l’obiettivo dell’Istituto Europeo Sica per la terza età, divenuto ad appena un anno e mezzo dall’apertura un riferimento del settore nella provincia salernitana, un vero e proprio centro di eccellenza campano per l’assistenza e la cura all’anziano e più in generale a chiunque sia affetto da patologie per le quali necessiti di un’assistenza continuativa e al tempo stesso voglia godere di standard di trattamento alberghieri nel proprio soggiorno. Indubbio punto di forza dell’Istituto Sica è una struttura di primissimo livello, immersa nel verde incontaminato ed al contempo ad un tiro di schioppo dal centro cittadino, dotata di camere vista mare corredate di tutti i comfort, secondo canoni qualitativi che si addicono ai migliori alberghi del territorio più che a case di riposo. Ma l’Istituto Europeo Sica va oltre la mera ospitalità, puntando l’attenzione sul benessere e sull’assistenza a trecentossessanta gradi. Medici, infermieri ed operatori impegnati nella struttura infatti si prodigano quotidianamente per assistere tutti coloro che ne abbiano bisogno, sulla base delle loro esigenze più disparate. All’Istituto Sica non ci si rivolge dunque solo per curarsi, ma per intraprendere un vero e proprio percorso di vita comunitaria insieme agli altri assistiti che possa consentire una serie di iniziative che contribuiscano al proprio benessere psicofisico, attraverso iniziative come gite fuori porta e giochi di società. Proprio nel periodo appena trascorso, quello delle festività natalizie, l’istituto ha infatti organizzato, pomeriggi di tombolate e giochi a premi, che rappresentano l’espressione di un coinvolgimento degli ospiti della struttura che punta, indipendentemente dalle loro condizioni mentali e fisiche, ad una loro partecipazione attiva alla vita di una comunità che sa porsi come una grande famiglia. Una caratteristica, questa, che si denota anche nell’ospitalità su cui possono contare i clienti della struttura, attenta ad ogni minimo dettaglio e ad ogni esigenza individuale. Un esempio è quanto accade in cucina: nella sala ristorante dell’Istituto Sica, infatti, non sono serviti affatto piatti scontati e dal gusto anonimo, ospedaliero, ma anzi basati sulla dieta mediterranea e commisurati alle richieste degli ospiti,
fatta eccezione per tutti coloro che sulla base dei consigli dell’equipe medica necessitano di un regime alimentare personalizzato. Oltre alla classica proposta di menù basata su prodotti biologici, sono infatti serviti anche pasti indicati appositamente per i clienti affetti da insufficienza renale cronica e da disturbi della condotta alimentare. Ulteriore punto di forza dell’istituto – come evidenziato dal management della struttura è dunque la possibilità di viverlo in piena tranquillità ed anche nella piena solidarietà tra gli assistiti, che si aiutano e collaborano tra loro sulla base delle differenti esigenze. L’Istituto, proprio per rispondere a quest’imporante obiettivoche rappresenta la sua mission principale, dispone di ampi spazi per la socializzazione, lo svago ed il divertimeno: una saletta per la lettura, la sala Tv, uno spazio privè destinato agli incontri con i familiari, insieme ad una vera e propria ludoteca per la terza età ed alla sala relax concorrono a rendere la struttura ancora più gradevole e fruibile non solo ai suoi ospiti, ma anche a tutti coloro che per i motivi più disparati si recano in visita ai propri cari assistiti. Una sala congressi polivalente dotata di oltre cento posti a sedere e di connessione wi-fi, insieme alla cappella per celebrazioni private completano l’offerta di una struttura che si pone l’obiettivo di ritemprare fisicamente e mentalmente chi ospita.

Andrea Bignardi

Obiettivo: salute e benessere olistico

Oltre a rappresentare una struttura di eccellenza per l’ospitalità degli anziani, l’Istituto Europeo Sica è divenuto con il tempo anche un importante centro per la salute ed il benessere. Eliminare o, quantomeno, ridurre al minimo le conseguenze fisiche delle infermità più o meno gravi di cui spesso risultano affetti coloro che scelgono di trascorrere la loro terza età presso la struttura è uno degli obiettivi principali del management sanitario dell’Istituto. Rispondere a quest’obiettivo è possibile attraverso le cure di un’equipe medica di primissimo livello, che opera in tutte le principali specialità cliniche. Oltre ai medici generici che garantiscono un’assistenza h24 agli ospiti della struttura, sono infatti erogate prestazioni sanitarie in numerose discipline, tra cui sono da menzionare: neurologia, geriatria, psicologia, diabetologia, oculistica, odontoiatria e cardiologia. A guidare il team del personale medico del centro europeo per la terza età è il dottor Vincenzo Sica, che ricopre anche il ruolo di direttore sanitario del plesso. A coadiuvarlo nella cura degli assistiti vi sono: la neuropsicologa Teresa D’Auria, i geriatri Dario Santangelo e Karolin Cupo, il cardiologo Carmine Fortunato, il diabetologo ed endocrinologo Gennaro Bottiglieri. L’equipe è coadiuvata da infermieri, fisioterapisti, operatori socio sanitari ed animatori. Il nostro Istituto dispone di un centro di fisioterapia e riabilitazione per il superamento del bisogno di salute del disabile. Altro fronte importante su cui la struttura focalizza la sua attenzione sin dalla sua apertura riguarda le discipline di fisioterapia e riabilitazione. Attività terapeutiche per le disabilità motorie, psicomotorie e cognitive sono infatti svolte quotidianamente, adoperando terapie fisiche, manuali, massoterapiche ed occupazionali, tutte praticate da esperti professionisti del settore. Nella “palestra soft” dell’istituto è infatti possibile compiere esercizi per migliorare la circolazione, rinforzare e preservare le articolazioni, oltre che svolgere sedute di fitness modulate specificamente anche per gli ospiti affetti da con problemi di deambulazione: i work out, infatti, si svolgono su apposite sedie, che pertanto risultano adatte anche ai soggetti che faticano a sdraiarsi o alzarsi da un tappetino posto al suolo.

and.bign.

Rispondi