Fuori dal silenzio, oltre l’8 marzo

Associazioni, artisti, esercenti, cittadini, con il patrocinio del Comune di Pontecagnano Faiano, si ritrovano, in occasione della Giornata della Donna, a guardare oltre i limiti di questa data, in un momento storico difficile per tutti.
L’idea di questa iniziativa si basa sulla volontà di uscire dal silenzio dei rapporti umani che rischia di spegnere le emozioni più profonde.
Ogni step di questo evento che, durerà dal primo al 14 Marzo, ha un forte valore simbolico e si articola in diversi momenti.
Installazione artistica a Via Europa
Fuori dal silenzio oltre le sofferenze delle donne. In questo periodo di pandemia sono aumentati i casi di violenza domestica, ci sono problemi nel garantire il prosieguo delle cure ospedaliere, il 56% del lavoro perso appartiene alle donne, sono stati azzerati tutti i momenti di incontro e di confronto pubblici. Sono le donne a portare sulle spalle il carico di un lavoro legato all’ assistenza agli anziani, l’educazione dei figli, la DAD, lo smart working.
T-shirt d’Autore- Galleria d’arte diffusa
Fuori dal silenzio per l’arte ormai ferma da troppo tempo. Sono state realizzate delle t-shirt d’autore perché un quadro, una scultura, una ceramica rimarrebbero sul muro di una casa, di una galleria, di un museo, luoghi chiusi al pubblico. Queste t-shirt rappresentano la fuga da quegli spazi e una volta  indossate sarà come portare in giro un messaggio legato alla cultura del bello.
Il ricavato sarà utilizzato per la realizzazione di un catalogo digitale che conterrà le t-shirt d’artista, i luoghi della galleria diffusa, gli scatti dei fotografi esposti al museo.
Desiderata
Fuori dal silenzio per tutti coloro che coltivano sogni, desideri, idee, progetti, che in questo momento di distanziamento fisico e sociale non possono concretizzarsi, luoghi di incontro, di confronto, di solidarietà che trovano, in questa occasione, una modalità per dialogare in tutta  sicurezza con l’amministrazione comunale e le diverse associazioni.
IN & OUT- collettiva fotografica
Fuori dal silenzio con l’esposizione di foto relative al periodo del lockdown, perché condividerle offre l’occasione per poterle osservare con distacco. È come raccontare una storia già vissuta, avendo la possibilità di uscire dal silenzio.
L’obiettivo di fondo è quello di fare rete con le altre donne, con le associazioni, con le artiste e  con i commercianti” spiega Daniela Sibilio Art director di Artéclaté.
È importante abbattere stereotipi e barriere sociali, sentirsi libere di poter esprimere idee ed opinioni, di denunciare le violenze subite, di credere nei propri sogni sempre, non solo l’8 marzo.

Rossella Graziuso

Rispondi