Gondo e Cicerelli “rianimano” la Salernitana, Pescara ko all’Arechi

di Brigida Vicinanza

SALERNITANA-PESCARA 2-0

SALERNITANA (3-5-2): Belec; Bogdan, Gyombér, Mantovani (38’ st Aya); Casasola, Coulibaly, Di Tacchio, Capezzi (38’ st Schiavone), Cicerelli (29’ st Kupisz); Gondo (25’ st Giannetti), Djuric (38’ st Tutino). A disp. Adamonis, Lopez, Iannoni, Barone, Veseli. All. Castori

PESCARA (3-5-2): Fiorillo; Sorensen, Bocchetti, Jaroszynski (38’ pt Machìn); Bellanova (19’ st Balzano), Maistro (19’ st Omeonga), Valdifiori, Memushaj (35’ st Asencio), Nzita; Galano, Ceter (35’ st Odgaard). A disp. Alastra, Masciangelo, Drudi, Guth, Fernandez, Busellato, Vokic. All. Breda

Arbitro: Marini di Roma 1 (Palermo/Massara). IV uomo: Marchetti di Ostia Lido

Gol: 8’ pt Gondo (S), 25’ pt Cicerelli (S).

Ammoniti: Mantovani (S), Maistro (P), Gondo (S), Machin (P), Casasola (S), Giannetti (S).

Note: giornata ventosa e piovosa, terreno di gioco in buone condizioni. Angoli: 4-6. Recupero: 2’ pt, 5′ st.

La Salernitana si impone 2 a 0 all’Arechi e torna a sperare nuovamente la scalata delle posizioni sui gradini (che contano) della classifica del campionato cadetto. Cedric Gondo la sblocca ed Emanuele Cicerelli la chiude: per entrambi la maglia da titolare (che non indossavano da tempo) calza a pennello. Primo gol, prima maglia da titolare ma anche prime conferme (probabili) per mister Castori che stoppa l’uscita proprio di Gondo in chiave mercato. Tre punti su un campo difficile dell’Arechi protagonista di una bufera senza precedenti in un freddo pomeriggio di gennaio. Ma il vento gira a favore della Salernitana che in attesa degli altri match di domani sale a 34 punti, con un calciomercato che chiuderà le porte tra 8 giorni. E proprio in chiave mercato, in tribuna arriva Sofian Kiyine che potrebbe ritornare a Salerno per la terza volta, ma c’erano anche i nuovi arrivi Sy e Durmisi. Accanto Micai ed Antonucci che potrebbero però tenere la valigia pronta e partire. La Salernitana comincerà il girone di ritorno a Reggio Calabria, il primo febbraio.

Rispondi