La musica contro la paura. “Abbracciame” è l’inno della speranza

di Antonio Sica

Chi fermerà la musica? Non di certo il Coronavirus. La Campania, come il resto d’Italia, risponde alla quarantena e prova a superare la paura con dei flash mob che vedono protagonisti i balconi dell’intera penisola. Tra le canzoni innalzate ad inno c’è senza dubbio Abbracciame di Andrea Sannino: “Questo brano riesce sempre a sorprendere. La gente ha capito il reale significato di questa canzone – spiega Sannino – Quando è nata quel giorno con Mauro Spenillo, pensavo ad un abbraccio universale anche se non immaginavo che nella vita qualcosa o qualcuno ci vietasse proprio questo gesto così importante”.

Un brano ripreso a cinque anni di distanza che in questo periodo sottolinea quanto un abbraccio, dato troppe volte per scontato, può invece fare la differenza anche nella quotidianità: “Questa emergenza è sicuramente una tragedia, è bellissimo che l’Italia ammazzi il tempo cantando dai balconi però non bisogna mai dimenticare che altre città, regioni e famiglie vivono una tragedia molto più grave. Spero che quando tutto sarà finito ci sarà un’Italia più civile, rispettosa, amante del prossimo. C’era troppo odio prima”.

E con il suo sorriso contagioso accompagnato da parole piene di speranza, l’artista partenopeo prova a vedere una luce in fondo al tunnel e afferma deciso #IoRestoacasa: “Non dobbiamo uscire innanzitutto per noi stessi. Più usciamo e più questa storia dura. Io per esempio sono ormai papà a tempo pieno e ho il record di pannolini cambiati. – missione papà a parte, Andrea non accantona i numerosi progetti in corso – Appena tutto finirà ci sono due inediti pronti e l’esordio del musical dedicato a Carosone.

Ma è lecito e rispettoso aspettare un po’, non è questo il momento per farlo. Mai come questa volta ricordate che andrà tutto bene”.

E quando tutto questo finirà ci abbracceremo ancora più forte, magari chissà proprio su questa meravigliosa colonna sonora.

Rispondi