“Le varianti Covid impongono nuove necessità”, l’appello dei Genitori Salerno Sì DAD

di Sabrina Gambaro

Ogni giorno vengono rilevati sempre più casi di varianti del Covid-19, conosciute e sconosciute. Lo stesso CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) ha evidenziato la necessità di aumentare il distanziamento a 1,4 m per proteggersi da questo nuovo pericolo.

“È aumentata la distanza di trasmissibilità entro cui il virus rischia di infettare la persona sana. Un metro non è più sufficiente”.

Sono le parole di Corrado Spinella, direttore del Dipartimento di Scienze fisiche e tecnologia della materia del CNR, che hanno spinto il Gruppo FB “Genitori Salerno Sì DAD” a scrivere una lettera al Presidente del Consiglio, al Ministro dell’Istruzione, al Ministro dell’Interno, al Ministro dell’Economia, al Ministro della Salute e, per conoscenza, ai restanti componenti della Conferenza Unificata, al Presidente della Regione Campania e al Sindaco di Salerno.

Un appello volto a chiedere, a livello nazionale, l’attuazione del distanziamento nella misura espressa dal CNR al fine di tutelare la salute di tutti i cittadini italiani.

Pertanto le richieste mosse dal Gruppo, ad oggi composto da oltre 4000 membri, sono:

1) Applicare il nuovo distanziamento in tutti gli Istituti scolastici di ogni ordine e grado e in tutte le attività economiche ove sia necessaria la coesistenza di persone in luoghi chiusi;

2) riattivare la DAD nelle Scuole di ogni ordine e grado, per la comprovata inadeguatezza delle strutture a rispettare le misure già attualmente adottate e consentire un ordinato svolgimento della vaccinazione del personale scolastico e di conseguenza il rientro in presenza in sicurezza;

3) impartire a livello nazionale il divieto di ogni assembramento nei luoghi pubblici affiancato dall’attivazione di costanti controlli ad opera delle Forze dell’Ordine;

4) di consentire fino al termine dello stato di emergenza la fruizione facoltativa della DAD senza alcuna condizione di accesso in quanto il diritto alla salute non può soggiacere all’obbligo scolastico;

5) di adottare urgentemente tali misure per evitare la perdita di vite umane nonché l’interruzione delle attività economiche rispettose dei Protocolli disposti dalle competenti autorità con la dispersione di centinaia di migliaia di posti di lavoro.

Rispondi