Meno posti a sedere, «Non rinuncio ai miei dipendenti, faremo una turnazione per permettere a tutti di lavorare»

di Andrea Bignardi

“Ci riserviamo la possibilità di riaprire i primi di giugno affinché vi sia il pieno rispetto dei protocolli di sicurezza predisposti dal Governo”. Così Matteo Bonavita, ai più noto come “don Matteo”, titolare del più antico ristorante salernitano, il Vicolo della Neve, rassicura clienti ed habituées sull’imminente riapertura del locale. Un indirizzo storico, un patrimonio identitario per la città di Salerno che va ben oltre i piatti e le pizze della tradizione che da oltre due secoli vengono serviti rigorosamente ogni sera. Il locale, di dimensioni ridotte, farà comunque tutto il possibile per adeguarsi alle nuove e stringenti disposizioni per garantire una riapertura in piena sicurezza. “Vi sarà un’ingente riduzione dei posti a sedere per rispettare il metro di distanza e questo comporterà anche una riduzione del personale nella giornata lavorativa – aggiunge Bonavita – Riduzione che però verrà compensata attraverso un programma di turnazione che darà equa possibilità a tutti i dipendenti di svolgere le medesime ore lavorative”. Dunque non resta che attendere ancora qualche settimana per ritornare a gustare, in piena sicurezza, le portate della tradizione salernitana (dal baccalà, alla pasta e fagioli al calzone cinquetti), tra mura millenarie ed all’ombra – si fa per dire – degli affreschi del maestro Carotenuto e dei rassicuranti versi delle poesie di Alfonso Gatto. Sarà inoltre possibile il take-away ma non la consegna a domicilio.

Rispondi