Nuovo caso di Covid-19 a Cetara. Disposti I primi tamponi.

di Cinzia Forcellino

C’era un primato per la Costiera Amalfitana che vedeva Cetara il paese senza casi di Covid-19 dallo scorso dicembre. C’era, perché l’incantesimo si è rotto e da oggi il numero del contatore registra il nuovo primo positivo del 2021.

Senza allarmismi e con lo spirito di chi ha avuto già a che fare con il virus, in prima persona perché colpito direttamente, e come sindaco del paese, dovendo gestire centodieci casi, il primo cittadino Fortunato Della Monica ha iniziato a disporre le prime azioni.

In realtà, già nella tarda serata di ieri era arrivata la voce di un possibile nuovo caso da coronavirus. Caso che purtroppo è stato accertato successivamente e che vede coinvolto un uomo di circa 70 anni.

Al momento, e fortunatamente, l’uomo risulta asintomatico, anche se negli ultimi mesi aveva sofferto di una malattia che lo aveva costretto a letto, impedendogli di uscire e di avere contatti con estranei al proprio nucleo familiare. In realtà, gran parte della sua famiglia era risultata positiva all’ondata che aveva colpito Cetara tra ottobre e dicembre scorsi, ma a causa del malessere pregresso, l’uomo non aveva avuto tanti rapporti con i figli, risparmiando così la contrazione del virus a se stesso e alla moglie.

A dire il vero, e stando alle indiscrezioni, non risulta ben chiaro come sia possibile che l’uomo sia risultato positivo al tampone, dato che – dalle ricostruzioni degli ultimi spostamenti – è stato accertato che usciva solo per effettuare visite mediche di routine. Tuttavia, negli ultimi giorni la figlia, che sentiva esclusivamente telefonicamente per via della situazione precaria, aveva notato un affaticamento del padre al punto da spronarlo a richiedere il tampone presso l’ASL di Maiori. Nel frattempo, comunque, erano già stati avvertiti dalla consorte – per estrema sicurezza – anche i volontari della protezione civile di Cetara e il sindaco stesso.

Avuta la conferma, dunque, dell’esito positivo, Della Monica si è mosso immediatamente. Nel primo pomeriggio di oggi verranno effettuati, pertanto, i tamponi ai parenti stretti e non dell’uomo, circa una quindicina, «per allargare già la cerchia ed essere sicuri di scongiurare qualsiasi possibile focolaio in atto», confida il primo cittadino del borgo che sulla sua pagina Facebook invita ancora una volta alla massima prudenza.

Intanto, per il paese la paura di rivivere i mesi passati è già evidente, anche se i cetaresi si sono già stretti intorno a Della Monica.

Rispondi