Ospedale Da Procida, è corsa contro il tempo

Aprire in tempi brevissimi – entro il 2 aprile – l’ospedale Da Procida, nosocomio salernitano dedicato alla cura ed alla gestione dei pazienti affetti da Covid-19. E’ l’obiettivo prefissato dall’azienda ospedaliera Universitaria San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di cui fa parte anche il plesso cittadino del rione Calenda. Sono infatti ormai vicini alla conclusione i lavori che sono andati avanti senza sosta per consentire un trattamento adeguato ai pazienti. Il 2 aprile potrebbero diventare operativi i primi 56 posti che saranno collocati al primo piano. Sono già stati inviati al nosocomio di via Calenda dieci ventilatori ed un monitor. Una nuova vita per la struttura ospedaliera salernitana, che tornerà in funzione nel pieno della sua capacità di accoglienza oltre che di forza lavoro. Il primo aprile prenderanno servizio all’ ospedale di Salerno 85 nuove unità di personale medico, tra cui nove rianimatori, cinque medici di pronto soccorso, due radiologi, tre infettivologi e due radiologi. Ed ancora trentasei infermieri e venticinque operatori socio sanitari. In totale saranno duecentocinquanta le unità che verranno assunte all’ospedale Ruggi di Salerno.

andbign

Rispondi